FURTI SPETTACOLARI: LA QUADRIGA DI SAN MARCO 
 
-Bellissima da togliere il fiato è la quadriga che si trova oggi nel museo all'interno della Basilica di San Marco, mio caro Pesellino! Fu fatta con bronzo dorato e argento, in modo che i quattro cavalli risplendessero di luce abbagliante!-
-Per tutti i demoni in mutande! Chissà allora quanto sarà stato abbagliante il sudore degli sciagurati che dovettero fondere, battere e colare i preziosi materiali di questa quadriga! Almeno si conosce il nome dell'artista e magari dei suoi disgraziati aiutanti?-
-No, purtroppo. I veneziani facenti parte della Quarta crociata indetta dal papa Innocenzo III, furono troppo impegnati a raggruppare in fretta quello che venne poi definito il "tesoro di San Marco", durante il Sacco di Costantinopoli da dove “prelevarono” tra le molte cose anche questa quadriga e non ebbero il tempo di informarsi su chi creò un tale capolavoro.-
-Figuriamoci se quei ladri dei crociati si preoccupavano di dare gloria a degli artisti considerati a quel tempo solo degli artigiani senza importanza! Dopo tutto le opere d'arte in passato hanno dato sempre lustro solo ai potenti che le commissionavano o come in questo caso che le rubavano!-
-Che vuoi farci, Pesellino? Quella del 1204 fu davvero una crociata strana! Partita con l'intenzione di liberare la Terra Santa, finì con i crociati che si limitarono a saccheggiare i paesi cristiani ortodossi d'oriente uccidendo e violentando perfino le monache.-
-Perfino le monache?! E per fortuna che i crociati facevano voto di castità, altrimenti cosa avrebbero potuto violare d'altro? I muli di Damasco?-
-Non saprei. In ogni caso noi italiani possiamo sorvolare sui metodi usati dai crociati ed essere contenti che abbiano "reperito" questa Quadriga e portata ai veneziani che la posero al centro della balconata della Basilica di San Marco a Venezia (oggi però lì vi è una copia). Sappi Pesellino, che essa è preziosissima anche perché tra le tante costruite secondo le fonti letterarie un po' dovunque nell'antichità, rimane l'unica al mondo a non essere stata distrutta a causa della cattiva abitudine del passato di recuperare i materiali con cui venivano eseguite le opere d'arte.-
-Mi piace, maestro, il termine "reperito" che avete adoperato! Si trattava sempre di furti e lo sapete bene!-