Seguiteci anche su  
 
 
 
 
 
 
 
 
Tutta l'Arte per i bambini. 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sapereinsatira.com 2014-2019 -Tutti i diritti riservati.E' vietata la riproduzione anche parziale dei testi presenti nel sito senza il consenso della FAGR-Editore che ne detiene i diritti.
 
 
 
 
 
 
 
LA VALLE DEI RE 
 
-Caro Pesellino, un posto dove dovremmo assolutamente recarci prima di morire, è la Valle dei re che sorge protetta da alte rocce, vicino al punto dove in antichità sorgeva Tebe, una delle capitali dell'Antico Egitto, mentre oggi vi è la città di Luxor.-
-Prima di morire? Allora dobbiamo affrettarci perché lei ha già una certa età e quindi un piede già nella fossa!-
-Sciocchezze, sono ancora giovane! Mi piacerebbe comunque visitare al più presto il luogo scelto dai faraoni per costruire le proprie tombe. Essi eressero nella valle oggi detta dei Re, gigantesche piramidi e numerosi templi dal fascino irresistibile.-
-Forse i templi potranno anche avere del fascino irresistibile, ma escludo le tombe, le quali piaccia o no, rimangono sempre tombe, in più mi corregga se sbaglio, gli antichi egizi hanno lanciato terribili maledizioni verso chi osava profanarle!-
-Non sarai superstizioso, vero Pesellino?! Pensa a quante cose uniche al mondo potremmo vedere nella tombe dei faraoni! L'ultima scoperta nella Valle dei Re, dove non vi sono sepolte le regine (i loro monumenti funebri sono nella Valle delle Regine a pochi chilometri di distanza), è avvenuta nel 1922 con il rinvenimento della tomba di Tutankhamon, unica a non aver mai subito saccheggi in passato, grazie all'egittologo inglese Howard Carter.-
-Avrei in mente per viaggiare mille altri posti unici dove non è mai stato seppellito nessuno e che quindi non mi costringerebbero a girare per le strade con un ferro di cavallo attaccato alle mutande!-
-Ma sicuramente questi posti nasconderebbero meno misteri delle piramidi d'Egitto. Pensa che la pianta dei monumenti funebri non è ancora completata e la Valle dei Re, presenta ancora numerosi enigmi da risolvere. In tutto sono state rivenute ben 34 tombe e ogni edificio ha numerosi vani con pareti su cui sono state raffigurate scene simboliche raccontate anche dai geroglifici incisi nella roccia.-
-La prego, maestro, potrebbe entusiasmarsi per qualcosa di più allegro di sepolcri polverosi?! Soprattutto, cerchi qualcun'altro che abbia voglia di vedere mummie imputridite che lanciano maledizioni orrende! Odio le maledizioni egiziane e davvero non vorrei trovarmene una sulla testa!-
-Temi forse ti si polverizzino i mutandoni? Non fare il fifone e andiamo! Scopriremo di persona se le maledizioni egizie esistono sul serio, per la gioia dei nostri lettori.-
-I nostri lettori sono veramente dei...!-
 
 
 
Il maestro e l'allievo protagonisti di "Un filosofo in mutande", tornano in questo libro comico-satirico con l'intento di scoprire che cosa hanno sbagliato per trovarsi poveri in canna nonostante i loro talenti. Si rendono subito conto che non basta analizzare se stessi se vogliono avere successo, ma devono capire anche qualcosa di più della società in cui vivono. Ecco allora che i due bistrattati pensatori partono per un viaggio nel passato spinti dal desiderio di far luce nel loro presente. Riusciranno i nostri eroi a trovare il bandolo della matassa necessario a scovare la maniera di vivere dignitosamente?  
Scopritelo leggendo le avventure-disavventure della collana "Sapere in Satira" e il divertimento sarà assicurato! 
CON IL DIZIONARIO DELLE DIVINITA' EGIZIE. 
 
Acquista su Amazon: